Progetto "AMIANTO SICURO" 

PROBLEMATICA E SOLUZIONE

Tutte le superfici in cemento - amianto ormai sono messe al bando, e già da tempo una seria problematica è quella di smaltire questo dannoso prodotto.

L'intervento di smantellamento la bonifica ed il rimpiazzo di una nuova copertura da sostituire a questo sistema edilizio denominato "povero"  rappresenta un reale problema legato al nostro territorio, nonchè la disponibilità all'interno dei siti specifici di raccoglimento è quasi satura. 

Inoltre il rifacimento di un nuovo solaio sicuramente più pesante prevede lo sconvolgimento strutturale di qualsiasi involucro edilizio ed un costo decisamente sostenuto. 

La soluzione alternativa allo smaltimento  è l'incapsulamento che consente di inertizzare la fibra di amianto, e creare una superficie impermeabile ed inattacabile dagli agenti atmosferici. 

Con l'utilizzo dei prodotti COOL ROOF nati per il progetto di isolamento termico totale degli involucri edilizi è possibile creare uno stato di neutralità per tutte quelle opere realizzate in cemento - amianto. 

L'utilizzo della vernice minerale studiata nel progetto "COOL ROOF" e di una serie di accorgimenti tecnici per la posa, garantiscono la sicurezza ed il riconoscimento di un intervento naturale e sicure capace di concedere i seguenti benefici :

  • Aumento della produttività in ambiente di lavoro in quanto il trattamento consente di riflettere i raggi del sole e diminuire la temperatura interna fino a 10°C.
  • Diminuire i consumi di energia elettrica dedicata all'utilizzo dell'impianto di climatizzazione.
  • La ricapitalizzazione dell'immobile sanato.
  • Eliminazione del pericolo di sequestro dell'immobile per inagibilità.       

 

SCHEDA TECNICA

INCAPSULAMENTO COPERTURE IN CEMENTO-AMIANTO.

Il cappotto riflettente a-termico dello spessore di circa 300 micron che si realizza sulle superfici di materiale da trattare, è costrituito da una emulsione multiminerale altamente alcalina con ph = 11,5  formulata con latte ed aceto. Tutto il cappotto viene creato a partire da uno strato di Primer pari a circa 100 micron. A seguire con uno spessore di circa 140 micron viene spruzzata o applicata a rullo l'emulsione alcalina multiminerale capace di igienizzare e neutralizzare la microflora a causa dei fenomeni di ossido riduzione attivati per osmosi. L'ultimo strato di finitura capace di creare una pellicola protetiva  di circa 60 micron di spessore è creato per proteggere il prodotto multiminerale. L'ultimo strato ha un colore diverso dal bianco, utile per le operazioni di manutenzione.

La sua applicazione a rullo/ spruzzo a seconda dei materiali ( primer a spruzzo, emulsione a rullo o spruzzo e protettivo a spruzzo) garantisce una ottima riuscita del cappotto, realizzando una superficie sana, impermeabile e riflettente.

La manutenzione ordinaria della copertura incapsulata, dopo l'accurata ispezione programmata, sarà necessaria allorquando, a seguito di usura, e motivi vari, lascia emergere il colore bianco dello strato intermedio del trattamento. Tale indicazione consente di agire nella zona interessata e ripristinare la pellicola, o meglio l'ultimo strato protettivo. Ecco il motivo percui lo strato finale dell'opera deve necessariamente essere di colore diverso dal bianco a scelta in una possibilità di 8 tinte naturali.

 

BUROCRAZIA 

Secondo quanto non espressamente riportato nella normativa inerente il "rischio amianto" quindi le coperture in cemento-amianto a "matrice compatta" , le stesse possono essere tranquillamente incapsulate da aziende iscritte alla CCIAA, ma anche dallo stesso proprietario affinchè si rispettino le prescrizioni qui di seguito riportate :

  • Comunicazione (e non autorizzazione) al Dipartimento di Prevenzione dell'ASL  prima dell'avvio del trattamento  inerente :
  1. Nominativo dell'Impresa ch eseguira i lavori ;
  2. Data di inizio dei lavori di incapsulamento ;
  3. I prodotti impiegati e le relative certificazioni ;
  4. Il tecnico aziendale o responsabile della sicurezza addetto ai lavori .
  • Nell'esecuzione dei lavori è obbligatorio :
  1. Espletare ed osservare il Piano Operativo della Sicurezza, con il dovuto rispetto per gli organi di protezione degli addetti ai lavori ;
  2. Asportare pietre e sassi ;
  3. Evitare di lavare le superfici lasciando inalterate zone con presenza di muschi e licheni ;

Il rischio contaminazione lo si perde già dalla posa del "Primer" alla base delle restanti emulsioni naturali ed a termine applicazione deve essere consegnato al proprietario dell'immobile  da parte della ditta che ha eseguito i lavori la seguante documentazione :

  • Autodichiarazione per aver impiegato prodotti conformi, e rilascio dei certificati ;
  • Manuale  di manutenzione per il custode della struttura relativo all'incapsulamento degli strati cemento-amianto  con la precisazione di :
  1. eseguire controlli periodici semestrali per verificare l'integrità dei prodotti ;
  2. Intervenire o comunicare all'azienda di  rispristare le zone degradate a seguito del deterioramento dell'ultimo strato protettivo;
  3. effettuare con periodicità triennale la manutenzione programmata dello strato protettivo.         

INVIACI LA TUA RICHIESTA DI SOPRALLUOGO